«Se i 5 stelle votano sì Matteo stacchi la spina»

Tags:

IL PRESIDENTE DELL EUROPARLAMENTO (FI) «Se i 5 stelle votano sì Matteo stacchi la spina»

Presidente Tajani se fosse lei a decidere che cosa farebbe? Li farei scendere. Perché quando 47 migranti sono chiusi da nove giorni su una barca è giusto mostrare umanità. Si può coniugare fermezza e compassione. E dopo? Diamo battaglia in Europa. Facciamolo insieme. Io sono pronto a fare la mia parte senza esitazioni. E a ripetere, a Bruxelles e a Strasburgo, che l’Italia non accetta più gli egoismi di questa Ue. Facciamolo perché l’immigrazione non è una prerogativa di questo o quel partito, è una grande questione europea. Tante volte avete detto all’Europa “basta”. Facciamolo ancora e facciamolo insieme. Tutta l’Italia. Maggioranza e opposizioni. Mostriamo, almeno una volta, di essere capaci di parlare con una sola voce. Di sapere mettere da parte le piccole convenienze. Di saper fare sistema. Ora però c’è la SeaWatch… Si guarda il dito e ci si dimentica della luna. Ci sono 600mila irregolari in Italia. E senza un vero impegno europeo la situazione è destinata a peggiorare. Facciamo due cose subito: un piano Marshall da 50 miliardi per l’Afiica. E la riforma del regolamento di Dublino. Ci crede? Se fosse passata la riforma dell’asilo voluta da Parlamento Europeo non avremmo avuto casi come la SeaWatch e come la Diciotti. Insisto: ci crede? Insisto anche io: riforma di Dublino e piano Marshall. Senza strategia questa situazione già così complicata andrà fuori controllo. Nel 2050 la popolazione africana arriverà a 2 miliardi e mezzo. Un’umanità disperata che vorrà scappare da guerre, da carestie… Ecco perché servono politica e investimenti. Fi come voterà alla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini? Voteremo no. Perché siamo da sempre garantisti. E perché quello che si imputa a Salvini non mi pare un reato. È un messaggio al Tribunale dei ministri di Catania? Tutto il Paese dovrebbe avere una visione complessiva. Pensare al quadro generale, non al tassello. Anche i magistrati. E allora mi chiedo: a cosa serve chiedere che un ministro sia processato? Il M5s è diviso. Molti vorrebbero votare sì all’autorizzazione. L’ennesima anomalia di questo governo contro natura che non ha nessuna ragione di esistere e dove il potere è il solo collante. Insisto: se il M5s vota sì? Sarebbe uno sfregio che la Lega non potrebbe accettare. Se lo facesse certificherebbe la propria sottomissione al M5s. Immagina che uno scenario così porterebbe alla crisi? La Lega non deve accettare l’egemonia del M5s. Ha abbandonato le piccole imprese, ha ingoiato il reddito di cittadinanza, si è piegata sulle grandi opere… Così Salvini rischia. Sta tornando a dirgli «stacca la spina»? Per il bene dell’Italia mi auguro che questo governo finisca domattina. Sono divisi su tutto. Sul Venezuela. Sui militari in Afghanistan. Sulla Tav. E invece con voi? Ho un messaggio per Salvini: facciamo un nuovo governo e partiamo da due provvedimenti. Detassiamo le assunzioni dei giovani e degli over 40 e diamo forma a una fiat tax vera al 23%. Per farlo ci sono i miliardi stanziati per un reddito di cittadinanza che non promuove il lavoro.