«Gli elet­to­ri par­la­no chia­ro Mat­teo stac­chi la spi­na, noi non te­mia­mo le ur­ne»

Tags:

«Un can­di­da­to for­te­men­te vo­lu­to da For­za Ita­lia, un espo­nen­te del­la so­cie­tà ci­vi­le che al­lar­ga l’area di con­sen­so del cen­tro­de­stra. Un can­di­da­to vin­cen­te. Ave­va­mo ra­gio­ne noi. E ades­so, sia­mo pron­ti per vin­ce­re an­che in Pie­mon­te». An­to­nio Ta­ja­ni, vi­ce pre­si­den­te az­zur­ro, ri­ven­di­ca per il suo par­ti­to un suc­ces­so non scon­ta­to: la can­di­da­tu­ra di Vi­to Bar­di era sta­ta osteg­gia­ta fi­no all’ul­ti­mo da­gli al­lea­ti, e ave­va pro­vo­ca­to qual­che mu­gu­gno an­che in FI. Ma la sua per­so­na­le in­si­sten­za e la de­ci­sio­ne fi­na­le di Ber­lu­sco­ni han­no pre­val­so. Tan­to da ot­te­ne­re un suc­ces­so sim­bo­li­co non in­dif­fe­ren­te — la Ba­si­li­ca­ta era go­ver­na­ta dal cen­tro­si­ni­stra dal 1995 — e da le­git­ti­ma­re una ri­chie­sta che ora di­ven­ta un im­pe­gno da man­te­ne­re: «Sia­mo pron­ti a pre­sen­ta­re un no­stro can­di­da­to an­che in Pie­mon­te».
Sie­te si­cu­ri che i vo­stri al­lea­ti di Le­ga e FDI la­sce­ran­no a voi il can­di­da­to pre­si­den­te del Pie­mon­te?
«Pac­ta sunt ser­van­da. Ab­bia­mo fir­ma­to un do­cu­men­to io, Giorgetti e La Rus­sa, non c’è nes­su­no mo­ti­vo per met­ter­lo in di­scus­sio­ne, in­di­pen­den­te­men­te dai ri­sul­ta­ti di li­sta di que­sta o del­le al­tre ele­zio­ni re­gio­na­li, tut­te sem­pre con­di­zio­na­te dal­la pre­sen­za di li­ste ci­vi­che. Non è un ca­pi­to­lo che si può ria­pri­re, Ci­rio è il no­stro can­di­da­to, e non ho dub­bi che sa­ran­no tut­ti d’ac­cor­do».
Dal­le Po­li­ti­che ad og­gi ave­te vin­to co­me cen­tro­de­stra tut­te le re­gio­ni in cui si è vo­ta­to: che si­gni­fi­ca?
«Che gli elet­to­ri stan­no di­cen­do con gran­de chia­rez­za quel­lo che vo­glio­no. E che que­sto go­ver­no non può più an­da­re avan­ti».
Sal­vi­ni sem­bra pen­sar­la di­ver­sa­men­te.
«La Le­ga non può non sa­pe­re che, con­ti­nuan­do co­sì, di­ven­ta cor­re­spon­sa­bi­le dell’ope­ra­to di un go­ver­no che non sta fa­cen­do il be­ne dell’ita­lia, non ta­glia le tas­se, non por­ta cre­sci­ta né oc­cu­pa­zio­ne. Non ba­sta dis­so­ciar­si dal­le scelte del go­ver­no: di­re che il pat­to con la Ci­na non pia­ce, di­re che sul­lo stop al­la Tav non si è d’ac­cor­do non ser­ve ad evi­ta­re la cor­re­spon­sa­bi­li­tà per quel­lo che sta ac­ca­den­do. Non si può di­vi­de­re il go­ver­no in buo­ni e cat­ti­vi. Se la Le­ga non stac­ca la spi­na, si­gni­fi­ca che l’ac­cor­do con il M5S è so­lo di po­te­re».
La Le­ga pe­rò con­ti­nua a cre­sce­re nei son­dag­gi: evi­den­te­men­te que­sta po­li­ti­ca pia­ce agli elet­to­ri.
«È ve­ro che pren­do­no vo­ti, ma è al­tret­tan­to ve­ro che lo fan­no pre­sen­tan­do­si con noi. Non sap­pia­mo co­sa suc­ce­de­reb­be se an­das­se­ro da so­li o al­lea­ti con il M5S. Quel­lo che sap­pia­mo è che si vin­ce con FI, che sia­mo es­sen­zia­li per­ché sia­mo for­za di ag­gre­ga­zio­ne, al cen­tro, nel ci­vi­smo, ver­so mo­vi­men­ti e par­ti­ti cat­to­li­ci e li­be­ra­li: so­no con noi l’udc, la for­ma­zio­ne di Lu­pi, la Svp, tan­te real­tà dell’as­so­cia­zio­ni­smo. Sia­mo il par­ti­to che in Eu­ro­pa espri­me, con la mia pre­si­den­za, la ca­ri­ca più im­por­tan­te per l’ita­lia».
Ep­pu­re si di­ce che Sal­vi­ni non vo­glia pre­sen­tar­si al­le ele­zio­ni con una FI gui­da­ta da Ber­lu­sco­ni.
«Io non l’ho mai sen­ti­to di­re, e so due co­se: che sen­za FI non si vin­ce. E che cia­scun par­ti­to si sce­glie il pro­prio lea­der. Il no­stro è Ber­lu­sco­ni, a ca­po di un par­ti­to che sta cre­scen­do e si sta al­lar­gan­do gra­zie ad una clas­se di­ri­gen­te im­por­tan­te. Ve­dia­mo gran­de par­te­ci­pa­zio­ne, sia­mo mo­ti­va­ti, sa­ba­to dal­la no­stra As­sem­blea na­zio­na­le di tut­ti gli elet­ti ar­ri­ve­rà un mes­sag­gio for­te in vi­sta del­le Eu­ro­pee. Ab­bia­mo ben chia­ra la no­stra stra­da e stia­mo co­struen­do l’al­ter­na­ti­va di do­ma­ni».
Quan­to tem­po c’è an­co­ra per non spre­ca­re l’on­da fa­vo­re­vo­le al cen­tro­de­stra e an­da­re al vo­to?
«Pri­ma av­vie­ne e me­glio è, vi­sto che an­che il Pd con que­sto go­ver­no ha mar­gi­ni di cre­sci­ta. Non ab­bia­mo pau­ra del vo­to, ma di do­ve po­trà por­ta­re l’ita­lia que­sto go­ver­no».